Villaggio dei Ragazzi, ancora un rinvio dell’udienza dei creditori. La vita a due velocità della fondazione che lavora nonostante le lungaggini del concordato preventivo

MADDALONI- Ancora un rinvio. L’udienza dei creditori, per l’approvazione della proposta di concordato preventivo slitta al 28 febbraio. E così, dopo due anni di lunghe schermaglie, ci sarà un secondo tempo supplementare: una nuova stima stima contabile della situazione debitoria per decidere quale sarà futuro della fondazione. Rinviata, ieri mattina, pure l’udienza dei creditori che avrebbe dovuto votare (accettare e respingere) la proposta di concordato preventivo. Invece, si ricomincia. Mentre continua, a tutto campo, la dialettica tra il commissario straordinario Felicio De Luca e il commissario giudiziale Roberto Tizzano. Ecco l’elenco delle criticità contabili sopraggiunte: primo, non ci sarebbe la copertura per la liquidazione del Trf, da corrispondere per intero, ai dipendenti in qualità di creditori privilegiati. Secondo il commissario giudiziale ci sono le garanzia per gli ex dipendenti ma non al personale tuttora in servizio. Secondo, no n sarebbe completo e aggiornato l’elenco delle cartelle esattoriali. Terzo, una possibile disparità di trattamento per i professionisti: parcelle garantite al 100% solo agli avvocati del Villaggio. Fini qui la storia infinita delle carte bollate. ma questa è anche la storia surreale dei due Villaggi dei Ragazzi. Quello degli avvocati e del Tribunale e il Villaggio dei Ragazzi che vive, opera, cresce ed eroga servizi grazie ai sacrifici dei dipendenti (che si sono tagliati pure lo stipendio) e all’aiuto della Regione. Questo è un altro mondo. Si parla di futuro. Si parla di formazione delle giovani generazioni e della sfida sempre più complessa per avvicinarli e inserirli nel mondo del lavoro. Così mentre si parla di rinvii e battaglie legali, in contemporanea apre l’attività residenziale (destinata agli allievi in condizioni socio-economiche svantaggiate); cresce la collaborazione con le aziende dell’Aerospazio e della logistica; si è aperta la strada dei tirocini e ai master in collaborazione con li studenti dell’Università Suor Orsola Benincasa. E’ la strana storia dei due “Villaggi dei Ragazzi”: quello delle carte e quello della vita che pulsa e si confronta con le sfide del quotidiano.

error: Non si copia!!!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: