Stenditoi trasformati in aree residenziali. Sette abbattimenti in un anno: giro di vite dell’Ufficio tecnico e della Polizia Municipale

MADDALONI- In un anno sono già sette. Sono le ordinanze di demolizione, corredata dall’obbligo di ripristino dei luoghi, per i sottotetti trasformati in mansarde confortevoli o in sopraelevazioni di fatto. Giro di vite della Polizia Municipale e dell’Ufficio tecnico. Le volumetrie tecniche (ripostigli, depositi, terrazze, steditoi, sottotetti, soffitte) ovvero servizi ausiliari alle zone residenziali sono e restano spazi abusivi se trasformati in ordinarie abitazioni senza titolo autorizzativo. Sono molti i sottotetti che sono proliferati dal lontano 2012, quando si ipotizzò una variante al Prgc vigente per un recupero una sanatoria di fatto dei nuovi spazi resienziali. Adesso, la repressione sistematica, che è estesa anche al controllo di vecchi abusi (mai condonati) con ricostruzioni storiche delle trasformazioni non autorizzate degli edifici, fa riemergere un attività abusiva molto praticata negli ultimi 20 anni.