“Ponte Vapore”, manovre disperate dei Tir per evitare di restare intrappolati

MADDALONI- Manovre disperate sul “Ponte Vapore”. Le zone di accesso all’infrastruttura sono diventate aree di manovra e retromarcia disperate per Tir e autoarticolati. In molti continuano a passare. Molti ci rinunciano e molti altri ancora fanno marci indietro. Aggiorniamo la statistica della “guerra dei transiti sul Ponte Vapore” alla vigilia della nuova settimana di verifiche ispettive sulla staticità del passaggio: con tre step successivi (ognuno della durata di quattro ore) una ditta specializzata eseguirà prove di tenuta statica e di transito alla base e in prossimità della massicciata ferroviaria. Si tratta di prove molto importanti, da cui discenderà l’analisi completa sulla tenuta del manufatto, e che richiedono la sospensione della circolazione ferroviaria di almeno quattro ore. Rfi sta programmando gli orari di intervento che probabilmente potrebbero avvenire anche di notte con la soppressione o deviazione soprattutto dei treni merci.