FIORENTINA – NAPOLI: TANTE OCCASIONI MA ZERO GOL!


(di Nello Ferraro)
Napoli privo del fondamentale ma poco appariscente Albiol (come la nebbia per Totò e Peppino a Milano) e dell’ormai partente capitano Hamsik protagonista involontario del film più rievocato di questi giorni (pacco, doppio pacco e contropaccotto), ritorna a Firenze dopo la sconfitta del 30/04/2018 che segnò l’addio allo scudetto, secondo Sarri (e non solo) perso la sera prima in albergo dopo aver assistito al clamoroso match di San Siro tra Inter e Juve con tanto di omaggio Sanremese (“fin che la barca var”). Anche questa volta i primi minuti non portano bene al Napoli che perde Mario Rui costretto a lasciare il posto a Ghoulam per un infortunio muscolare occorsogli dopo una buona diagonale difensiva per anticipare Chiesa. Pochi secondi dopo Insigne si divora un gol a pochi metri dalla porta calciando di destro anziché di sinistro, dopo una respinta corta di Lafont su tiro mancino di Zielinski. Poi è il turno di Mertens a sprecare una grande occasione calciando centralmente un ottimo assist dalla fascia del terzino algerino. Al 18’ è la Fiorentina a rendersi pericolosa in area avversaria con un’azione personale del forte e giovane Chiesa, oggetto del desiderio della società azzurra.
La terza occasione per portarsi in vantaggio stavolta tocca al 23’ a Callejon che, quasi come a Liverpool, non la sfrutta dalla sua mattonella preferita anche se da posizione defilata.
Napoli che lascia il possesso ai viola che al 28’ sfiorano il vantaggio con Veretout che si fa respingere da Meret un forte tiro centrale, mentre sulla ripartenza Mertens calcia molto alto sulla traversa. Dopo 7 minuti il belga riesce a fare peggio di Insigne non trasformando in rete, a cinque metri dalla porta e in posizione centrale, un assist di testa di Zielinski.
Primo tempo con la viola che fa la partita pungendo poco e con il Napoli che non sfrutta le diverse palle gol, come quella capitata nel recupero su tiro di Insigne deviato da Biraghi che termina di poco fuori. Secondo tempo che vede una Fiorentina in netto calo fisico dopo aver speso tanto nella prima frazione, con un Napoli che avanza il suo baricentro creando ancora diverse occasioni gol, come al 53’ quando solo una parata super di Lafont nega il vantaggio a Zielinski servito da Callejon alla sua maniera dalla destra. Ancelotti decide di sostituire la coppia d’attacco opaca Mertens-Insigne, inserendo prima Milik al 62’ per il belga e poi, dopo 15 minuti, Verdi per il neo capitano di Frattamaggiore. Cambi che sortiscono in qualche modo gli effetti sperati, velocizzando le manovre d’attacco e creando nuove occasioni, prima al 83’ quando Callejon non lascia il tiro al meglio posizionato Zielinski, poi soprattutto nei minuti di recupero con Milik che al 93’ spreca una clamorosa palla gol, mandando di poco a lato in scivolata il solito assist, forse leggermente lungo, di Callejon, mentre due minuti dopo ci prova con un forte tiro dalla distanza respinto centralmente da Lafont, migliore in campo.
Napoli che si proietta alla sfida di Europa League, ormai obiettivo primario della stagione, laddove sfiderà lo Zurigo nel giorno di San Valentino. Chissà se proprio quel giorno verrà ufficializzata anche la partenza del capitano che volerà in Cina, sperando che almeno stasera non ci sia ospite a Sanremo Leali che canterà “MI MANCHI!”.

TABELLINO
FIORENTINA: Lafont 7.5; Ceccherini 6.5, Pezzella 6.5, Hancko 6 (12′ st Victor Hugo 6), Biraghi 6; Dabo 6.5, Edimilson 6, Veretout 7; Chiesa 6, Muriel 5.5, Gerson 6 (24′ st Mirallas S.V.; 36′ st Simeone S.V.). A disp. Terracciano; Brancolini, Antzoulas, Nargaard, Pjaca, Graicar. Allenatore: Pioli
NAPOLI: Meret 6.5; Hysaj 6.5, Maksimovic 6, Koulibaly 6, Mario Rui S.V. (6′ pt Ghoulam 6.5); Callejon 6.5, Allan 6.5, Fabian Ruiz 5.5, Zielinski 6; Mertens 4.5 (17′ st Milik 5.5), Insigne 5 (32′ st Verdi 5.5). A disposizione: Ospina, Karnezis, Chiriches, Malcuit, Luperto, Diawara, Ounas. Allenatore: Ancelotti
ARBITRO: Calvarese di Teramo
NOTE: Ammoniti: Dabo, Veretout (F); Callejon, Zielinski, Ghoulam, Maksimovic (N). Recupero: 3′ pt, 5′ st.