Amministrative: liste in formato Battaglia Navale, con le famiglie spaccate dal voto al parente

Maddaloni. Dal film “Parenti Serpenti” di Mario Monicelli del 1992 prende spunto anche una riflessione sulla politica locale con la composizione delle liste che tendono ad affondare la flotta avversaria.
Come in battaglia navale, anche la nostrana competizione elettorale si arricchisce di strategie tese ai fini di indebolire la coalizione nemica.
Il cugino permaloso è stato candidato con la lista di Pasquale, allora mettiamo la zia nella lista di Nicola e spacchiamo la famiglia.
Statisti consumati esibiscono l’esperienza politica già ampiamente dimostrata in passato, con un occhio alla famiglia ed un altro alla lista di Totore.
3, 2, 1, via alla rissa familiare, testa abbassata altrimenti passa il figlio di zia Titina, avversario politico affondato con la presenza del fratello cugino.
Anche questa è fatta…

Inline
Inline